Garcia bacchetta Reja: «Non si augurano gli infortuni»

Rudi Garcia accende il derby. “Sarà una partita come le altre, ma abbiamo tutte le chiavi per battere la Lazio – ha detto il tecnico giallorosso -. Dobbiamo vincere anche perché sarà un segnale per gli altri che abbiamo voglia di andare avanti e che è difficile giocare contro la Roma”. Poi una stoccata al collega Reja: “Quello che ha augurato degli infortuni ai miei giocatori? Pensi alla sua squadra…”.
Gervinho super
“Lui è così, soprattutto quando è in forma e ha fiducia. Dall’inizio ha la mia fiducia e adesso è in grande forma, ma dobbiamo lasciarlo tranquillo. Fa sempre tutto per la squadra non per sé, ha il suo gioco e il suo gioco è di saltare l’uomo, di giocare in profondità. Non ha solo la capacità di segnare ma soprattutto di dare problemi all’avversario, sa fare assist, quando entra in area è difficile difendere senza fare un rigore. E’ il Gervinho che conosco, quello che ho fatto debuttare al Le Mans e con cui ho fatto la doppietta in Francia. Deve solo continuare a lavorare.”

Capitolo curve chiuse
“Io vedo solo il lato sportivo, sul lato sportivo è un’assenza enorme questa sanzione della chiusura delle curve per due partite. Preferisco che risponda la società su questo punto, è una cosa veramente molto importnate che non si risolve oggi in una frase, ci sono tante cose da fare su questo punto, ma il regolamento è così. Quello che non mi piace, sul piano sportivo, è giocare senza curve, è una cosa brutta e non aiuta la squadra”.

Pjanic, Totti e Maicon
“Pjanic sta molto meglio, se lo gestisco migliora molto. Adesso è più vicino al 100% che prima. Abbiamo due gare in una settimana di più”. “Totti è pronto a giocare. Ci sono stati quattro giorni di riposo”. “Maicon non avrà problemi”

A Reja basterebbe un pareggio…
“Lo ha detto colui che ha detto che avrebbe piacere per un giocatore infortunato della Roma? Siamo anche educatori, non solo allenatori. Se un allenatore dice questa cosa pubblicamente, cosa può dire nello spogliatoio? Che rompe una gamba, che ammazza qualcuno? Io voglio che l’arbitro sia attento ai contrasti, non voglio giocatori miei infortunati. E poi che i tifosi sostengano la propria squadra e nulla di più, che tutto vada bene in tribuna. Noi giochiamo per vincere, quello che dice l’avversario è una sua responsabilità. Noi giochiamo per vincere”.

Firmerebbe per Coppa Italia e secondo posto?
“Non esiste questo contratto, non ho bisogno di scegliere. Voglio vincere domenica e dopo alle 5 ci sarà il tempo di pensare al Napoli, ma per il momento tutti concentrati sul campionato”.

La Roma è più forte della Lazio?
“A che serve rispondere? Solo la classifica parla. Riflette sempre i risultati ed è quello che conta. Ma conterà anche qualificarsi per la Champions. Per andare avanti abbiamo bisogno di vincere e conquistare più punti possibili. Per questo vedo questa partita come un altro match di campionato normale. Dobbiamo fare in modo di vincere perché sarà un segnale per gli altri che abbiamo voglia di andare avanti e che è difficile giocare contro la Roma”

Il derby
Il derby è sentito più per i tifosi che per i giocatori. Abbiamo De Rossi, Totti e Florenzi e per loro è certamente più sentito, ma dobbiamo passare sopra a certe emozioni. Non è solo un derby, è anche una partita di campionato. Per la tifoseria è importante e dare tutto per vincere. In altri Paesi ci sono altri derby di fuoco. Rispetto al match di andata è diverso. Ho capito che il derby d’andata era importante, per me era l’occasione di andare avanti in modo positivo. Adesso ci sono 22 partite già giocate, l’approccio della gara è totalmente diverso sul piano psicologico soprattutto, ma non cambia nulla perché dobbiamo rimanere umili, è solo una gara e in campionato può succedere di tutto. Ma quello che vogliamo tutti è la vittoria della Roma”.

Roma favorita
“Quello è il gioco della gente e della stampa, la classifica dice che noi siamo secondi e che normalmente bisogna vincere, ma c’è un avversario, sarà una partita difficile. Noi abbiamo delle qualità e dobbiamo metterle tutte in campo, e lo dico ancora: ho fiducia in questa squadra che sa fare tutto, sa giocare con tutte le maniere di gioco degli avversari, che siano schierati, che giochino in ripartenze, con pressing alto, abbiamo tutte le chiavi”.

All’andata disse: “Il derby non bisogna giocarlo, ma vincerlo”
“Quello che è bello è che non sappiamo prima cosa succederà. Noi vogliamo vincere, è l’unica cosa che importa. E andare avanti in campionato, perché stiamo facendo una striscia interessante e la squadra ha tanta voglia di andare avanti. Solo se daremo tutto, vinceremo. Sul piano fisico stiamo bene”

Obbligati a vincere anche per staccare il Napoli
“E’ una buona pressione. Faremo in modo di vincere per prendere altri tre punti. E’ così ogni partita di campionato”

Reja giocherà a specchio
“Quello che è più importante è che giochiamo con qualsiasi squadra. Per noi non cambia nulla. Noi dobbiamo trovare soluzioni per dare problemi all’avversario. Dobbiamo fare attenzione ad alcuni punti forti o giocatori pericolosi, ma non è il caso solo di questa gara. E’ sempre così”

Trigoria, striscione contro la Juventus
Messaggio chiaro ai tifosi della Juventus a Trigoria. All’esterno del centro sportivo giallorosso, gli ultrà giallorossi hanno infatti piazzato uno striscione offensivo nei confronti dei bianconeri.



Categorie:Interviste

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: